Arredare col suono


Arredare col suono

Prezzi non proprio alla portata di tutti ma design ai massimi livelli per i complementi d'arredo del ventunesimo secolo, i diffusori. Oggetti di grande impatto, non solo straordinari per la resa sonora.

Domanda a bruciapelo: qual è la stanza della casa dove il design riveste il ruolo più importante? La risposta corretta, probabilmente, è "tutte": ma d'istinto nove volte su dieci si pensa al salotto, il living dove, come suggerisce il nome, hanno luogo la maggior parte delle attività casalinghe.

In salotto si può pranzare, leggere un libro o, soprattutto, guardare la televisione e ascoltare la musica. Da quando la TV e gli stereo sono diventati il fulcro del tempo libero e del relax in casa, gli apparecchi hanno acquistato un posto sempre più cruciale. Ormai è comune vedere televisori ultrapiatti da quarantadue o quarantasei pollici che polarizzano l'attenzione di chi entra nel salotto, con il divano e le poltrone puntati verso di esso per garantire la maggiore visione possibile.

Ma così come la tecnologia ha fatto passi da gigante anche nella resa estetica dei dispositivi video, così anche i sistemi di hi-fi, e soprattutto i diffusori, sono passati dall'essere oggetti funzionali a essere dei veri complementi d'arredo.

L'ammiraglia... per sceicchi

Iniziamo dalle "Ferrari" del settore, che costano più o meno quanto, per l'appunto, una macchina extralusso ma (per chi può) rappresentano il massimo a cui un audiofilo appassionato può ambire.

I Focal Grande Utopia EM ad esempio vengono alla coppia circa 180.000 dollari, sono alti più di due metri e pesano 260 Kg l'uno, ma oltre alla resa sonora davvero divina (comprensibile, visto il prezzo) si tratta di sculture sonore realizzate con grandissima cura estetica, grandi cilindri che si piegano morbidamente verso l'ascoltatore. Sono disponibili in tre diverse finiture, Carrara White, Black Lacquer e Imperial Red.

Focal Grande Utopia EM

Il "mollusco" di B&W

A metà tra complementi d'arredo di lusso, per quanto arditi, e apparecchi pensati per la miglior esperienza d'ascolto immaginabile ci sono anche i celebri Nautilus della Bowers & Wilkins: 33.000 euro ciascuno, 86,5 Kg per un metro e venti d'altezza, i Nautilus sono forse in assoluto i più particolari da un punto di vista estetico tra i diffusori di lusso, adatti per il salotto alla ricerca di un design ardito e moderno. La loro forma è infatti quella di un nautilo, il tipico mollusco a chiocciola. Quattro vie e quattro altoparlanti, tre diverse finiture anche qui (Midnight, Blue e Silver), i Nautilus sono il frutto di cinque anni di ricerche.

Nautilus della Bowers & Wilkins

Il design a prezzi ragionevoli

Ma non è necessario spendere cifre al di fuori della portata dei comuni mortali per dotare la propria casa di un impianto audio non solo valido per potenza e chiarezza del suono, ma anche piacevole alla vista. Sempre Bower & Wilkins produce, a circa seicento euro, lo "Zeppelin", un diffusore nato per ospitare gli iPod e gli iPhone. La tipica forma bombata assicura un impatto estetico notevole, di grande prestigio, e la reputazione della casa di produzione parla da sé per quanto riguarda i risultati. A questa fascia di prezzo quasi ogni marca comunque propone dei "dock" per lettori mp3 di studiato design, da Sony a Philips.

Zeppelin della Bower & Wilkins

Copyright © 1996-2010 Genesi S.r.l. | Partita IVA 01680570676 - Cap. Sociale € 10.000,00 i.v. REA TE 143874